Ultima modifica: 19 Febbraio 2019
I.I.S. E. Majorana - A. Cascino > Genitori > La pazzia di Orlando di Orazio Alba

La pazzia di Orlando di Orazio Alba

Il 18 Febbraio il poema cavalleresco di Ludovico Ariosto con Orazio Alba e Daniela Parisi

La pazzia di Orlando di Orazio Alba

I.I.S. Majorana – Cascino

18 febbraio 2019 presso Auditorium Liceo Scientifico

 

In scena La pazzia di Orlando liberamente tratto dal poema cavalleresco di Ludovico Ariosto con Orazio Alba e Daniela Parisi.

Con una “tecnica” narrativa innovativa, quella del “cuntu” siciliano, con un pubblico di studenti   attenti, Orazio Alba è riuscito con la sua sola persona, un tamburo e due luci, a rendere appassionante il famoso episodio del poema di Ariosto, rivisitato e innovato, ornato di ricerca espressiva, costruito in chiave comica, ironica e contemporanea, sulla base di riferimenti letterari tipici della tradizione classica.

Orlando, inseguendo il cavaliere saraceno Mandricardo, decide di riprendere le forze in una radura, che era stato il luogo degli incontri tra Angelica e Medoro. Orlando scopre gli indizi della passione lì consumatasi nei messaggi d’amore incisi nei tronchi degli alberi e sulle pareti delle grotte. L’eroe, per non soccombere al dolore, si illude che ciò che vede non sia vero, ma le sue speranze si sgretoleranno quando, chiesta ospitalità ad un pastore del luogo, scoprirà che il letto dove dorme è quello dove i due amanti hanno passato la prima notte di nozze. Orlando cade quindi in preda alla  follia e distrugge tutto ciò che trova sul suo cammino, spogliandosi persino della sua stessa armatura. La crisi del protagonista verrà risolta solo dall’intervento di Astolfo che si recherà sulla Luna a recuperare, in una ampolla, il suo “senno” perduto.

   Lo spettacolo è stato accompagnato da una suggestiva musica eseguita dal vivo, composta dalla pianista Daniela Parisi, ricca di sonorità mediterranee tradizionali e sviluppata con arrangiamenti anche contemporanei.

Un reading conclusivo di studenti, con lettura di ottave particolarmente significative e con domande intelligenti, ha concluso la rappresentazione “raccontata” di un percorso di studio, centrale nella storia della Letteratura Italiana.

Raggiunta pienamente la finalità educativa e didattica attraverso il racconto teatrale.