Ultima modifica: 12 giugno 2018
I.I.S. E. Majorana - A. Cascino > Docenti > L’Istituto Majorana – Cascino di Piazza Armerina medaglia d’oro al Certamen Nissenum

L’Istituto Majorana – Cascino di Piazza Armerina medaglia d’oro al Certamen Nissenum

Primo e secondo posto nelle categorie A2 e B1 del Certamen Nissenum

L’Istituto Majorana – Cascino di Piazza Armerina medaglia d’oro al Certamen Nissenum

 

Dopo il successo  nella gara di Kahoot latino a squadre, presso il Liceo Mignosi di Caltanissetta, il liceo Majorana – Cascino con le studentesse Roberta Miraglia della classe V B e Beatrice Prestifilippo della classe III B Liceo Classico si aggiudicano rispettivamente il primo e secondo posto nelle categorie A2 e B1 del Certamen Nissenum.

E’ stata impegnativa la traduzione di passi tratti da Eutropio e Seneca corredata da domande di comprensione del testo, nella quale si sono cimentati circa 80 studenti provenienti dai licei della nostra regione. Il nostro Istituto, con la sua squadra composta da 16 allievi, selezionati tra i migliori del biennio classico-scientifico e dal triennio classico, ha avuto l’onore di salire sul podio per ricevere il prestigioso riconoscimento in denaro per Roberta e Beatrice  e una targa ricordo per la Scuola.  

A presiedere la commissione giudicatrice della gara e la cerimonia di premiazione presso il salone diocesano del Liceo Mignosi  è stata la prof.ssa Giuseppina Basta Donzelli, un nome mitico nel mondo degli studi classici, già docente di letteratura greca all’Università di Catania e preziosa traduttrice dell’edizione Einaudi dell’Iliade e dell’Odissea. La prof.ssa ha intrattenuto i presenti con una lezione magistrale sul teatro antico e sul valore della democrazia, oggi come ieri.

“Non potevano mancare i botti di fine d’anno a concludere un 2018, ricco di iniziative, attività -ha commentato la Preside Lidia Di Gangi, che ha ricevuto la targa dagli studenti –  E’ l’ennesimo riconoscimento ricevuto dal nostro Istituto al lavoro serio di docenti e studenti, di una Scuola vivace nelle sue diverse articolazioni. Congratulazioni alle studentesse e ai loro proff. Cottonaro e Stelladoro.”