Ultima modifica: 26 novembre 2017
I.I.S. E. Majorana - A. Cascino > News > Giornata mondiale contro la violenza di genere

Giornata mondiale contro la violenza di genere

Il 25 novembre 2017

25 novembre 2017

Giornata mondiale contro la violenza di genere

 

Il silenzio uccide, è la parola a salvare”: così inizia, con le parole della Presidente della Camera, Laura Boldrini, l’Attività di Alteranza Scuola Lavoro al Liceo Scientifico e al Liceo Classico dell’I.I.S. Majorana-Cascino di Piazza Armerina.

Le classi del Liceo 1° A Classico e 3 B Scientifico, protagoniste del Progetto “Ti amo da non morire “, nell’ambito degli interventi di prevenzione e cura nelle violenze di genere, in collaborazione con l’Azienda Sanitaria Locale, l’Associazione DONNE INSIEME “Sandra Crescimanno” e con la guida dei tutor didattici prof.sse Ermelinda Mingoia e Luciana Incardona, si sono confrontate con gli esperti del settore, che hanno sensibilizzato gli studenti sul tema della violenza sulle donne, della parità di genere e del rispetto di ogni forma di diversità.

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza di genere, 25 novembre, studenti e professori si sono ritrovati in Viale Gen. Muscara’ e poi, proseguendo per la via Garibaldi, allestita con vetrine significative sul tema, hanno espresso le loro convinzioni e le loro idee, simbolicamente indossando un elemento rosso, che potesse richiamare l’attenzione sui gravi fatti di sangue, purtroppo in continua ascesa in Italia.

Magliette rosse, scarpe rosse, striscioni con scritte significative, frutto di laboratorio di ricerca che le classi hanno fatto in pochi giorni, hanno riaperto il confronto e il dibattito su quella che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha definito una scottante “… ferita a tutta la società”, facendo emergere dall’indifferenza e dal silenzio una grave piaga sociale: è stato un momento di formazione e di condivisione, iniziato con la visita allo sportello antiviolenza e concluso con le vetrine simboliche antiviolenza.

L’iniziativa per dire “basta” si colloca nell’ambito del Progetto regionale “Individuazione della rete sanitaria regionale per gli interventi di prevenzione e cura nella violenza di genere”, nell’ambito dell’ASP di Enna e nell’Ambito di attività di Alternanza Scuola Lavoro, con il Progetto “Ti amo da non morire”, che il nostro Dirigente Scolastico, Prof.ssa Lidia Di Gangi, ha accolto favorevolmente ai fini di un’azione di sensibilizzazione, formazione e informazione rivolta ai nostri studenti, al fine di prevenire atteggiamenti e comportamenti di bullismo e di violenza di genere, nonché di indifferenza/tolleranza nei confronti del fenomeno.